skip to Main Content
Libero Professionista Web: Perché Nessuno Ti Contatta?

Libero professionista web: perché nessuno ti contatta?

Andando a spulciare in forum di freelance o nelle query ricercate in riferimento al tema del libero professionismo web ogni tanto leggo di utenti che pongono domande come: “Sono un freelance: perché nessuno mi contatta per propormi dei lavori?“.

La cosa mi fa un po’ pensare: alla base di ogni idea di libero professionista che desidera lavorare nel mondo del web ci dovrebbero essere un’idea forte e una specializzazione, oltre che la capacità di farsi trovare facilmente e di vendersi.

Per chi si trova in difficoltà e non ha chiarezza sulle cause, propongo alcune tra le principali motivazioni che potrebbero essere all’origine del problema “sono freelance, ma nessuno mi contatta”.

1) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: NON HAI UN SITO INTERNET

Il sito web personale è un passaggio obbligato per te che vuoi lavorare nel mondo di internet come freelance, sia tu un copywriter, un SEO, un web developer, un social media manager, un web designer etc.

Puoi decidere il nome di dominio e il nome del sito / blog in base alle tue preferenze: il tuo nome e cognome, il tuo nome d’arte, un nome che richiami la tua passione e la tua attività. Però è indispensabile tu abbia una vetrina personale: ricorda che oggi esistono piani hosting + dominio da € 20 all’anno, e con un CMS (WordPress, Joomla…) preinstallato un sito è presto fatto. (A tal proposito, se decidi di aprire un blog nell’articolo da me scritto “Come scegliere il nome del blog” trovi qualche spunto utile).

2) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO, MA NON TI SPIEGHI

Scrivere e comunicare non è da tutti… altrimenti non farei questo lavoro 🙂

Nel tuo sito internet devi predisporre i contenuti in modo che la gente capisca subito chi sei e di cosa ti occupi: diversamente, dopo 1 minuto dall’approdo sul tuo sito, gli utenti l’avranno già chiuso per andare a cercare qualcun altro.

3) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO, MA NON TRASMETTI PROFESSIONALITÀ E FIDUCIA

Non basta sapersi spiegare: bisogna anche porsi in modo professionale e fare in modo che la gente possa percepire serietà da parte tua. Come? Ad esempio, nello spiegare il tuo lavoro entra un po’ nel dettaglio di ciò che fai, citando tematiche specifiche che interessano chi è in cerca della tua professionalità. Oppure definisci entro quanto tempo rispondi alle mail.

Portfolio e “dicono di me…”? Personalmente non ci credo molto poiché ognuno può implementare ciò che desidera all’interno del suo sito web, anche commenti finti per intenderci. Meglio cedere il passo ai fatti o mandare qualche link di esempio privatamente, quando te lo chiedono.

(PS: questa è solo una mia personalissima opinione, e magari in futuro riterrò opportuno cambiare idea).

4) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO, MA NON HAI UNA BUONA PAGINA CONTATTI

La pagina contatti è parte fondamentale del sito web di un freelance: non serve chissà cosa, è sufficiente anche un semplice form di contatti purché sia funzionale e facilmente usabile. La pagina contatti deve inoltre essere facilmente trovabile da chi naviga, se no rischi che succeda quanto detto poco fa.

5) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO, MA NON È POSIZIONATO PER LE PAROLE CHIAVE DI TUO INTERESSE

Vedi che a volte i SEO Copywriter servono 🙂 Inutile avere un sito se i contenuti al suo interno:

  • Non sono coerenti con la tua attività;
  • Non sono ragionati attorno a parole chiave;
  • Sono scritti sulla base di keyword attinenti, ma dall’altissima concorrenza.

I testi sono uno dei fattori più importanti ai fini del posizionamento SEO, e non ci so può improvvisare SEO copywriter né risparmiare su questo aspetto.

6) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO, MA NON SEI TROVABILE GEOGRAFICAMENTE

Va bene avere un sito bello e posizionato, ma esso deve anche essere restituito quando un utente effettua una ricerca con query “figura professionale + specifica area geografica”.

Essere freelance non vuol dire che si lavora sempre con tutto il territorio nazionale: spesso gli interlocutori cercano un libero professionista web geograficamente vicino a loro per fissare almeno un primo incontro conoscitivo. Se sei un SEO Specialist di Brescia, ma non sei trovabile con le parole chiave “SEO Specialist Brescia” o “Ottimizzazione SEO Brescia”, forse devi rivedere qualcosa all’interno del tuo sito.

7) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: HAI UN SITO BEN FATTO E ORGANIZZATO, MA CON POCHISSIME VISITE

Potresti avere un sito ben strutturato, ma con poche visite: sei nuovo nel mondo, e ci potrebbe volere un po’ di tempo prima che il tuo sito internet compaia nei risultati dei motori di ricerca.

Devi trovare degli strumenti che almeno inizialmente ti diano una spinta; ecco qualche suggerimento:

  • Utilizza i social network, Facebook per creare referenze tra amici e LinkedIn per interagire in modo più professionale. Se sei un creativo (web designer, graphic designer etc), anche Instagram potrebbe aiutarti;
  • Partecipa ai gruppi;
  • Intervieni in discussioni e in forum del tuo ambito di riferimento;
  • Predisponi un’area blog in cui pubblicare aggiornamenti frequenti, adatti per generare discussione e da linkare nei vari forum e social.

Per iniziare a viaggiare devi predisporre la strada.

8) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: NON HAI UNA RETE DI RELAZIONI

Fra freelance ci si aiuta e ci si passa i lavori, dandoli in mano a chi conosci e sai che è specializzato in quel determinato ambito. Ti devi costruire una rete di contatti, contattando altri freelance, proponendoti anche per piccoli lavoretti e se possibile ricambiando i favori girando loro commissioni che tu non sei in grado di portare a termine.

Se si crea un rapporto professionale sinergico e costruttivo e se sei in grado di lavorare bene rispettando obiettivi e tempistiche, i tuoi collaboratori saranno felici di poter contare su di te: è interesse di tutti far sì che il cliente finale sia soddisfatto.

9) LIBERO PROFESSIONISTA WEB: TI SEI FATTO TERRA BRUCIATA

Qui parlo di uno stadio più avanzato, ovvero di qualcuno che è freelance da parecchio tempo.

Io credo che la fuffa prima o poi venga a galla. Se per anni ti sei posto come il GURU della situazione ma in fin dei conti non hai prodotto niente di utile per il cliente, causando sprechi di denaro e di tempo, arriva un momento in cui la voce si diffonde e perdi ogni credibilità.

Voglio considerare questo come un caso limite, perché spero sempre che un freelance web abbia tutt’altra testa… ma può accadere. Si vede di tutto oramai.


Hai qualche altra idea? Riscontri un problema che non rientra in queste casistiche? Contattami!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *